ISBN: 978-88-7801-542-5
Pagine: 368
Data di pubblicazione: 2016
Prezzo:
20,00 €
17,00 €
Giuseppe O. Longo

La gerarchia di Ackermann

Fra le stregate geometrie di Longo, che congiungono Trieste e Budapest, l’Europa e il Mondo, scorre un fiume impetuoso di ricordi che sgorgano dai sedimenti limacciosi del tempo: un enigmatico plico giunto dall’Ungheria fa tornare alla mente del matematico triestino Guido Marenzi una storia d’amore e di follia che ha vissuto a Budapest vent’anni prima e dalla quale è uscito spezzato. Imprigionato tra la morsa dell’eros e quella del destino, accompagnato da personaggi elusivi, dalla musica greve del Castello di Barbablù e dal pensiero ossessivo della morte, Guido ripercorre per ventiquattr’ore quella lontana vicenda, e dal lavorio della memoria emerge trasformato. Sul finire del giorno, si sente pervaso da una mitigata speranza: liberandosi dal groviglio di esaltazione e di dolore che l’ha rinchiuso, vede comparire un mondo diverso, più dolce e placato.

Giuseppe O. Longo, professore emerito di Teoria dell’informazione all’Università di Trieste. S’interessa della comunicazione in tutte le sue forme. In particolare si occupa di teoria dell’informazione, di epistemologia, di roboetica, di intelligenza artificiale e delle conseguenze socioculturali delle tecnologie della mente. Tra i suoi libri ricordiamo: Il nuovo Golem. Come il computer cambia la nostra cultura (2003) e Il simbionte. Prove di umanità futura (2013). Apprezzato scrittore, ha pubblicato tre romanzi e dieci raccolte di racconti. Per Jouvence è uscito Antidecalogo (2015).

Cristina Benussi - "Il Piccolo", 31 dicembre 2016
"Nella sua Gerarchia, Giuseppe O. Longo annega la memoria"
leggi la recensione 

Gianni Zanarini - cittadellascienza.it, 31 gennaio 2017
"La gerarchi di Ackermann"
leggi la recensione

Gianni Zanarini - scienzainrete.it, 17 febbraio 2017
"La gerarchia di Ackermann"
leggi la recensione

Luisella Pacco - "Ponte Rosso", febbraio 2017
"Rileggere la Gerarchia di Ackermann"
leggi la recensione

Cosimo Argentina - "Avvenire", 23 aprile 2017
"Il grande romanzo dell'esistenza tra scienza e mistero"
leggi la recensione

Roberto Gilodi - doppiozero.it, 5 maggio 2017
"La gerarchia di Ackermann"
leggi la recensione