ISBN: 978-88-7801-479-4
Data di pubblicazione: 2015
Pagine: 246
Prezzo:
19,00 €
16,15 €
Maria Paola Zanoboni

Scioperi e rivolte nel Medioevo

Le città italiane ed europee nei secoli XIII-XV

L’inaudita pressione fi scale, l’incertezza sulla destinazione del denaro riscosso, il dissenso nei confronti dei ceti dirigenti e la volontà di rappresentanza politica, le rivendicazioni salariali per aumentare compensi ormai troppo bassi, l’ingiustizia e la parzialità dei tribunali, produssero negli ultimi decenni del ’300 in tutta Europa le più sanguinose rivolte dell’epoca medievale. Era l’apogeo di una situazione che, sin dalla fine del ’200, aveva visto alternarsi e sovrapporsi una serie di eventi catastrofi ci fatti di calamità naturali di ogni genere, crisi economiche, tracolli bancari, per culminare col ritorno della peste in Europa (1348). In questo cupo scenario, uomini e donne di ogni ceto sociale e di ogni lembo del Vecchio Continente si affannavano cercando di sopravvivere.

Maria Paola Zanoboni, dottore di ricerca e cultore della materia in storia medievale, e abilitata a professore associato in storia economica, ha già pubblicato i volumi: Artigiani, imprenditori, mercanti. Organizzazione del lavoro e conflitti sociali nella Milano sforzesca (1450/1476), Firenze, 1996; Produzioni, commerci, lavoro femminile nella Milano del XV secolo, Milano, 1997; Rinascimento Sforzesco. Innovazioni tecniche, arte e società nella Milano del secondo Quattrocento, Milano, 2005, Salariati nel medioevo. “Guadagnando bene e lealmente il proprio compenso fino al calar del sole”, con introduzione di F. Franceschi, Ferrara, 2009, oltre a numerosi saggi apparsi in varie riviste. Ha curato il fascicolo monografico di “Medioevo Dossier”: La vita al tempo della peste, n.5, novembre 2013.

Rassegna stampa:
Caleidoscopio, agosto 2015
Leggi la recensione

Sergio Tognetti - Archivio Storico italiano, 2016
"Scioperi e rivolte nel Medioevo"
leggi la recensione